Muffa: prevenire è meglio che rimuoverla o ristrutturare

7.1.21
L'umidità consistente è terreno fertile per la muffa, che è dannosa per la salute e per la casa o appartamento.
  1. Cause della muffa negli spazi abitativi
  2. Come rilevare la muffa negli spazi abitativi
  3. Cause strutturali della muffa
  4. Cause antropogeniche della muffa
  5. Come prevenire la muffa
  6. Come rimuovere la muffa
  7. La muffa è pericolosa per la salute?
  8. Le misurazioni della muffa sono utili?

La muffa è una cosa naturale, ed essa, per esempio, aiuta nella formazione dell'humus con altre sostanze organiche del suolo. All'esterno la muffa non dà fastidio a nessuno. Tuttavia, le spore della muffa entrano nelle case e negli appartamenti attraverso l'aria. Esse sono invisibili all'occhio umano e volano fino a quando non trovano un punto umido. Lì le spore della muffa trovano terreno fertile, si moltiplicano e diventano visibili e puzzolenti. Gli esperti stimano che la muffa si verifica in una casa familiare su quattro o cinque. Essa compare solo nei vecchi edifici, ma anche in quelli nuovi, se il sistema di ventilazione non funziona come previsto.

Cause della muffa negli spazi abitativi

In natura, ci sono più di 100.000 specie di muffe. Ma ci sono solo due modi in cui la muffa può svilupparsi negli spazi abitativi; Il primo dipende dal fatto che gli occupanti ventilano in modo errato o troppo poco gli ambienti. Diversamente la creazione della muffa è dovuta a difetti di costruzione. Spesso la formazione della muffa è dovuta a più di una causa. Una crepa nel muro o un danno causato dall'acqua può essere il fattore scatenante, ma anche la ventilazione in bagno o la cappa aspirante in cucina possono essere responsabili, qualora non estraessero correttamente l'umidità. Se poi si ventila anche in modo errato o troppo poco, le spore della muffa si moltiplicano in maniera incontrollata.

Come rilevare la muffa negli spazi abitativi

La crescita della muffa dipende dall'umidità, dall'apporto di sostanze nutritive e dalla temperatura. Un'umidità relativa del 40-60% è ideale per gli esseri umani; ci sentiamo più a nostro agio che in un ambiente più secco o più umido. Invece, con una umidità oltre il 70%, sono le spore delle muffe a sentirsi a casa. Per questo motivo è necessario  controllare regolarmente il clima interno dell'abitazione come segue:

  • Osservare attentamente le pareti e i soffitti, soprattutto negli angoli.
  • Misurare la temperatura dell'aria e l'umidità relativa con un igrometro.
  • Misurare le temperature sui soffitti e sulle pareti e cercate grandi differenze.

Un igrometro è uno strumento di misura e determina l'umidità dell'aria. Igrometri semplici sono disponibili a partire da 10 franchi oppure si possono ottenere in tutta semplicità dal nostro partner Condair. È meglio appendere o posizionare l'igrometro e controllare regolarmente i valori. Se l'umidità è costantemente elevata, è necessario controllare la propria abitazione. Se si sente l'odore della muffa, è già troppo tardi.

Muffa:Un igrometro è uno strumento di misura e determina l'umidità dell'aria. Igrometri semplici sono disponibili a partire da 20 franchi.
Controllare regolarmente l'umidità relativa. Un valore compreso tra il 40 e il 50% è ideale per evitare la muffa.

Cause strutturali della muffa

  • I cosiddetti ponti freddi, che si verificano ad esempio nei balconi, alle estremità dei soffitti, nei parapetti delle finestre, nei telai delle finestre, nelle nicchie dei radiatori o nei cassonetti per avvolgibili, conducono il freddo verso l'interno più rapidamente e raffreddano notevolmente le superfici interne delle pareti. Soprattutto se non sono sufficientemente isolati o non lo sono affatto. In questo caso, il rischio di umidità superficiale aumenta non appena la temperatura sulla superficie interna della parete scende al di sotto del punto di rugiada.
  • Le case scarsamente o insufficientemente isolate perdono molto calore perché lo disperdono più rapidamente verso l'esterno.
  • Ci sono superfici per interni che assorbono e rilasciano l'umidità meglio di altre. Ad esempio, i materiali da costruzione minerali come gli intonaci a base di gesso e gli intonaci lisci, i pannelli di gesso o gli intonaci di argilla rivestiti con vernici minerali a diffusione di vapore hanno una grande utilità. Essi possono compensare l'elevata umidità assorbendola in una certa misura.
  • I difetti o i danni alla struttura dell'edificio possono essere causa della formazione di muffa. Se questo è il motivo, i danni o i difetti dovrebbero essere appurati da uno specialista, ad esempio da un fisico edile, e la costruzione dovrebbe poi essere messa a norma.

Cause antropogeniche della muffa

  • La ventilazione è il modo più semplice per regolare l'umidità dell'aria interna. Se si ventila troppo poco o non si ventila affatto, si rischia un'elevata umidità di oltre il 60% e quindi il rischio di formazione di muffa, soprattutto in inverno.
  • Una famiglia di tre persone produce in media da sei a dodici litri di umidità al giorno. Quando si respira, quando si fa la doccia, quando si cucina. Acquari, umidificatori, asciugabiancheria o piante d'appartamento possono aumentare ulteriormente l'umidità relativa.
  • I radiatori coperti da mobili o tende e i sistemi di riscaldamento a pavimento coperti da tappeti distribuiscono il calore in modo non uniforme. Un riscaldamento non corretto favorisce la formazione di muffe e può portare ad un maggiore consumo di energia elettrica e quindi ad un aumento dei costi dell'elettricità.
  • Le pareti dietro i mobili o le tende sono più fredde delle superfici delle pareti interne aperte. Ecco perché vi si può formare condensa o rugiada - un paradiso per le spore delle muffe.

Spesso la muffa si forma dietro grandi mobili come gli armadi.
La muffa tende a formarsi dietro grandi mobili, come gli armadi, se le pareti non sono ben isolate e se l'aria non può circolare.

Come prevenire la muffa

  • Garantire un'umidità relativa del 40-50%. Se fuori fa molto freddo, l'umidità dell'ambiente deve essere all'incirca del 40%.
  • Ventilare brevemente ma intensamente. Questo significa aprire e ventilare le finestre per cinque o dieci minuti tre volte al giorno invece di inclinarle semplicemente, anche d'inverno.
  • Ventilare dopo la doccia, quando l'umidità è particolarmente elevata.
  • Dopo la doccia, asciugare le piastrelle e le fughe nel bagno o la parete di vetro del box doccia con un panno o un raschietto di gomma.
  • Pulire o sostituire regolarmente i filtri di ventilazione del bagno.
  • Non mettere mobili di grandi dimensioni direttamente contro una parete esterna, lasciare abbastanza spazio tra i mobili e la parete per permettere all'aria di circolare.
  • Chiudere la porta della camera da letto se l'aria lì è più fresca che nelle altre stanze.

Come rimuovere la muffa

Gli esperti distinguono tre fasi di formazioni di muffe:

  1. La muffa appare negli angoli delle pareti, nei giunti dei pannelli o sulle finestre. Se appare sui muri e non è più grande di una mano si può intervenire. Indossare guanti di gomma e rimuovere la muffa con acqua, un detergente o uno smuffolatore o acqua e candeggina. Per le aree più piccole, l'alcool ad alta gradazione è di solito sufficiente. Tuttavia, bisogna fare attenzione a non danneggiare le superfici.
  2. La muffa si presenta in una stanza singola. Magari si tratta di un solo punto e l'area è più piccola di mezzo metro quadrato. Essa può essere dovuta ad un difetto dell'edificio, come ad esempio un danno dell'acqua al soffitto o una crepa nel muro.. Rimuovere la macchia come al punto 1 e indossare un respiratore. Consultare tuttavia uno specialista di esaminare più da vicino la muffa e chiarirne le cause. Se necessario, il soffitto o la parete devono essere ristrutturati.
  3. La muffa appare in diversi punti su una vasta area (più grande di mezzo metro quadrato), le macchie diventano rapidamente più grandi - e si sente l'odore della muffa. In questo caso, solo uno specialista può intervenire, prima chiarendo tutte le cause e poi rimuovendo la muffa in modo professionale. L'umidità e la muffa possono causare danni duraturi all'edificio in breve tempo, quindi è necessario agire rapidamente. In caso contrario, si verificheranno gravi danni che richiederanno costose ristrutturazioni o ridurranno il valore della casa.

Buono a sapersi: Ulteriori informazioni sono contenute negli opuscoli "Attenzione muffa" e "Muffa nelle Abitazioni" dell'Ufficio federale della sanità pubblica UFSP.

Con Houzy diventi un professionista della casa.

La muffa è pericolosa per le persone?

Le spore della muffa sono sempre nell'aria. In concentrazioni normali sono innocue per l'uomo. Tuttavia, più grave è la formazione di muffa, maggiori sono i rischi per la salute. Le spore della muffa possono irritare gli occhi, le vie respiratorie o la pelle e scatenare allergie, asma o bronchite. Le persone con un sistema immunitario indebolito o una condizione preesistente come la fibrosi cistica o l'asma cronica dovrebbero evitare a tutti i costi il contatto con le muffe. La muffa influisce anche sul benessere delle persone sane.

Le misurazioni della muffa sono utili?

Le misurazioni di muffe come quelle effettuate sull'aria della stanza, sulla polvere della casa o le analisi dei tamponi richiedono molto tempo. Non sono adatti a valutare i rischi per la salute negli spazi abitativi e sono utili in misura limitata per la scelta di misure adeguate. Le misurazioni della muffa sono foto istantanee che ritraggono situazioni possono variare notevolmente nel corso della giornata e ancor più nel corso dell'anno. Per questo motivo è più sensato assumere uno specialista in danni all'edificio o in fisica della costruzione per valutare i danni sul posto e documentarli fotograficamente. In generale, consigliamo di risparmiare i soldi per una misurazione della muffa.

Questo anche poiché i gessini e i pittori la conoscono bene. Nel nostro annuario della manodopera  è possibile trovare nella propria zona pittori e stuccatori che possiamo consigliare e che possono aiutare. Chiedere un'offerta gratuita e non vincolante è facile e veloce. 

Trova gessini e pittori

Articoli correlati

Torna alla rivista di Houzy